Crea sito

A Milano e Torino si invecchia prima.

torino milano assieme

A Milano e Torino si invecchia prima. Causa.? Lo smog.

Non solo danni all’apparato respiratorio, lo smog è la causa di moltissimi altri problemi di salute come quelli legati all’aumento del livello di colesterolo nel sangue e all’invecchiamento precoce.

Un recente studio condotto dalla Sisa (Società italiana per lo studio dell’aterosclerosi) ha infatti mostrato come l’esposizione protratta a polveri sottili e molecole di Co2 disciolte in aria comporti infiniti fattori di rischio legati ad aterosclerosi ed arteriosclerosi e come, dunque, le proverbiali camere a gas presenti nei maggiori centri urbani inneschino una pericolosa spirale che prende il via con l’inalazione delle componenti tossiche e si conclude con un’infiammazione cronica del tessuto venoso, destinata a riverberarsi in problematiche di tipo metabolico e cellulare.

 

Dopo aver stabilito su basi biologiche il pericoloso legame, gli autori dello studio hanno dunque provveduto a “testare sul campo“ le loro intuizioni, elaborando una sorta di schema statistico della mortalità media e dell’invecchiamento precocesulla base dei livelli di inquinamento presenti nei maggiori centri urbani italiani, scoprendo che, laddove lo smog risultava essere più accentuato, durata e qualità della vita tendono ad abbassarsi in modo inesorabile.

In particolare, nei pressi delle aree urbane di Milano e Torino si registrano punte relative all’invecchiamento di cuore e cervello da record, mentre a Roma (città meno inquinata) il quadro tende leggermente a migliorare, anche in virtù di condizioni climatiche meno umide e stagnati che consentono una più agevole dispersione delle polveri tossiche rispetto a quanto accade nelle città del Nord Italia.

Come premesso, la ciliegina sula torta dell’inquietante studio è rappresentata dal fatto che lo smog apare in grado di agire in modo anomalo persino sul tasso medio di colesterolo Ldl presente nel sangue (recentemente sottoposto a revisione circa le sue linee guida), in virtù del fatto che l’infiammazione e l’indurimento del complesso venoso generati a partire delle polvere sottili ne limitano la possibilità di smaltimento organico, mostrando dunque nuovi allarmi sanitari che esulano purtroppo dalla semplice sfera di tossi e raffreddori nei quali lo smog si è trovato per anni rinchiuso.
FONTE UFFICIALE: Priscilla Di Zeno di L’Ultima battuta.it

foto reperite su google image

Facebook Comments

evidenziatoredelweb

Sono un blogger e non un giornalista...!! BLOGGER, altruista, gentile estroverso e contro ogni forma di male verso i deboli. amo la natura, gli animali e sono contro il nucleare... dimenticavo.."mi piacciono le belle donne" sono sincero perlomeno..

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.