Crea sito

La nuova moneta da 2 euro di Monaco

La nuova moneta da 2 euro di Monaco

Ecco i nuovi 2 euro PROOF-BE (Belle Épreuve o Fondo Specchio) che commemora il 200 ° anniversario dell’ascesa al trono del Principe Honoré V nel 1819. Questo Principe di Monaco, che regno’ nel 19° secolo, fa parte della lunga dinastia dei Grimaldi.

Questa moneta di 2 euro coniata solo in 15.000 exemplari completerà la collezione degli appassionati di 2 euro di Monaco.
Lo sapevi?

Dopo gli sconvolgimenti del periodo rivoluzionario, che arrivò al punto di rinominare Monaco a Fort d’Hercule, i Principi di Monaco furono riportati ai loro legittimi e immutabili diritti sul Principato dal Trattato di Parigi nel 1814. Honoré-Gabriel, dopo una brillante carriera militare e la sua nomina come primo cavaliere dell’Imperatrice Giuseppina, riprende la strada per Monaco per succedere a suo padre e suo zio Principe Joseph che avevano amministrato il Principato fino al 18 gennaio 1815, per conto di suo fratello Honoré IV gravemente ammalato.

Sulla strada nei pressi del Golfe-Juan, si dice che abbia incontrato l’imperatore Napoleone I che rientrava a Parigi.

Questo ritorno e il periodo dei Cento giorni che dovevano portare al trattato di Vienna nel 1815 e il trattato bilaterale, firmato a Stupinigi l’8 novembre 1817, che impone un protettorato sardo e un presidio sardo, causerà difficoltà tra Monaco, Mentone , Roquebrune e Monti.

Con l’articolo 7 del trattato il re di Piemonte-Sardegna impone il corso della sua moneta nel Principato senza riconoscere i diritti di conio dei Principi di Monaco. Di conseguenza, le monete dei re del Piemonte-Sardegna circolano a Monaco dal 1817 al 1860. La Francia, da parte sua, invoca il “cambio di circostanze” per rifiutare di pagare a Honoré V l’indennità che gli doveva, fissata a 4,5 milioni di franchi d’oro nel 1815.

La riorganizzazione amministrativa e giudiziaria del Principato è uno dei tanti compiti a cui il Principe è assegnato. Tuttavia, la scarsa situazione finanziaria inflitta al paese lo costringe a prendere decisioni impopolari, in particolare in materia fiscale. Cerca di combattere la disoccupazione attraverso una politica di grandi opere: abbellimento dei giardini di St Martin, modifiche del Palazzo del Principe, costruzione di una strada che collega la Condamine alla Rocca.

Honoré V, con l’obiettivo di riappianare le sue finanze e riaffermare il suo diritto di battere moneta, ripristinò la zecca a palazzo. Tuttavia, a seguito di un malinteso con la Francia e l’ostilità del re di Piemonte-Sardegna, questa zecca interruppe rapidamente tutte le attività dopo alcune produzioni in argento, bronzo, ottonee rame, emesse nel 1837 e nel 1838 e riconosciute in ritardo.

Honoré V, single, muore a Parigi il 2 ottobre 1841 senza discendenza legittima. Suo fratello Florestan I (1841-1856) gli succedette.

fonte: https://www.facebook.com/Numismatics-Editions-V-Gadoury-193785003896/

evidenziatoredelweb

Sono un blogger e non un giornalista...!! BLOGGER, altruista, gentile estroverso e contro ogni forma di male verso i deboli. amo la natura, gli animali e sono contro il nucleare...

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.