Crea sito

La festa del sacrificio Id al-adha che ricorda il sacrificio di Abramo.

Certo che in un momento del genere dove la religione Mussulmana viene contestata e non tanto apprezzata, questo articolo di Meteoweb, potrebbe fare scattare l’ira di molti cittadini.

Noi diciamo da sempre che purtroppo le religioni sono sintomo di culture represse e a volte come succede in alcuni casi, quando bisogna sacrificare un’animale a nome di un qualcosa che in realtà ancora non ne abbiamo capito  il vero senso logico, ci sentiamo offesi.

Ognuno è libero di essere ciò che vuole, ma quando si uccide in un certo modo..cominciamo a non dovere condividere…

Sei praticante…?

Non obbligare gli altri a seguirti se non sono come te.

Ricorda che secondo noi “naturalmente”l’unico Dio sei te stesso.

Amici Mussulmani non ce ne vogliate, non abbiamo niente contro di voi e le vostre usanze..anzi..!! I Cristiani fanno di peggio..!!

Si tratta solo di un nostro punto di vista, amiamo così tanto gli animali che questo articolo ci fa sfogare…

Ecco l’articolo di MeteoWeb incollato e copiato:

Festa del sacrificio: domani la grande mattanza dell’Id al-adha musulmana

“Ricorre domani per i musulmani la festa del sacrificio Id al-adha che ricorda il sacrificio di Abramo che sacrificò a Dio un montone anziché il figlio Ismaele”

 

 

Ricorre domani per i musulmani la festa del sacrificio chiamata in lingua araba la festa di Id al-adha che ricorda il sacrificio sostituivo di Abramo che sacrificò a Dio un montone anziché il figlio Ismaele. Tutto bene – spiega AIDAA in una nota – se non fosse che questa festa che sarà celebrata in tutte le famiglie islamiche (in Italia i Musulmani secondo i dati della fondazione Ismu sono circa un milione e trecentomila pari al 2,3% della popolazione con una forte concentrazione in Lombardia dove vivono ben 368.000 seguaci di Maometto seguiti dall’Emilia Romagna con 183.000 musulmani) dove come ogni anno scorrerà il sangue di animali innocenti che saranno crudelmente sgozzati e lasciati morire lentamente prima di essere macellati e cucinati. Si calcola che tra montoni, pecore e capre e bovini in Italia saranno circa 600.000 gli animali uccisi crudelmente per questo antico quanto crudele rito religioso. Purtroppo questo sgozzamento dovrebbe avvenire solo nei macelli autorizzati e con una serie di accorgimenti che dovrebbero teoricamente ridurre al minimo la sofferenza dell’animale mentre invece avviene spesso nelle case private (solo a Milano si calcola un massacro di almeno 30.000 animali) senza alcuna precauzione e sopratutto in maniera assolutamente illegale. Infatti se la macellazione rituale viene (a nostro avviso in maniera assolutamente sbagliata) considerata legale, la macellazione clandestina è invece un reato punibile per legge.

Una barbarie, una vera e propria mattanza o eccidio di massa di animali quello che avverrà domani di cui nessuno parla – dichiara Lorenzo Croce presidente di AIDAA – il silenzio ipocrita anche delle associazioni di tutela degli animali che non condannano quanto avviene e di chi si indigna giustamente per un animale domestico maltrattato ma tace di fronte a questo orrore che è di fatto l’anticamera di un altro orrore generale che è la macellazione di milioni di animali. Ma restando alla festa del sacrificio – conclude Croce – invitiamo tutti i cittadini che dovessero vedere un proprio vicino sgozzare in casa un animale a chiamarci e chiamare nel contempo i carabinieri in quanto si tratta di un reato penale“.
Per approfondire http://www.meteoweb.eu/2016/09/festa-del-sacrificio-domani-la-grande-mattanza-dellid-al-adha-musulmana/743520/#KmyRKm0TCay7iRwE.99

Facebook Comments

evidenziatoredelweb

Sono un blogger e non un giornalista...!! BLOGGER, altruista, gentile estroverso e contro ogni forma di male verso i deboli. amo la natura, gli animali e sono contro il nucleare... dimenticavo.."mi piacciono le belle donne" sono sincero perlomeno..

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.