Crea sito

FRANCIA. Il programma di Marine Le Pen. CHE COSA NE PENSATE..?

FRANCIA. Il programma di Marine Le Pen. CHE COSA NE PENSATE..?

Programma Marine Le Pen: ECONOMIA
Fiscalità
 
Per un «contributo fiscale equa»: rifiuto di un qualsiasi aumento dell’IVA e della CSG, mantenimento dell’ISF
Riduzione del 10% dell’imposta sul reddito sulle prime tre rate
Consentire ad ogni genitore di versare senza tassazione 100.000 euro per ogni bambino ogni cinque anni (invece che degli attuali quindici ann)
Aumentare il massimale delle donazioni ai nipoti senza spese fiscali per 50.000 euro, ugualmente ogni cinque anni
Creazione di una tassa sull’attività svolta in Francia dalle grandi multinazionali e per i profitti presumibilmente sottratti
Impedire l’accesso ai mercati pubblici alle multinazionali che praticano l’evasione fiscale e si rifiutano di regolarizzare la loro situazione
Per «contributo fiscale equo» di qualsiasi aumento dell’IVA e il CSG mantiene ISF
Creazione di uno scudo sociale per gli autonomi, offrendo loro la possibilità di aderire al sistema legale o mantenere il loro regime specifico, dopo una revisione totale del sistema fiscale applicato che si baserà su delle auto-dichiarazioni trimestrali dei redditi.
Lavoro
 
Eliminazione della legge sul lavoro attuale
Valorizzazione del lavoro manuale attraverso la costruzione di reti professionali di eccellenza
Creazione di un sistema di «primo lavoro» che esonera le società dal pagare le imposte sulla prima assunzione di un giovane sotto i 21 anni per un periodo massimo di due anni
Responsabilità degli istituti professionali di trovare un’offerta di stage ad ogni studente
Stabilire un “Potere d’acquisto Premium” destinato a chi ha un basso reddito e pensioni basse (per redditi fino a 1500 euro al mese), finanziato da un contributo sociale del 3% sulle importazioni
Mantenimento della settimana lavorativa a 35 ore, ma dando la priorità alla revisione degli accordi settoriali per far sì che i dipendenti che lavorano 39 ore vengano pagati per 39 ore

Esenzione fiscale dagli straordinari e mantenimento della loro maggiorazione
Creazione di una Segreteria di Stato dedicata ai cambiamenti economici all’interno del Ministero delle Finanze per anticipare i cambiamenti nelle forme sul lavoro legati alle nuove tecnologie (automazione, sharing economy, Uber…)
Aumento del 30% del bilancio pubblico per la ricerca e l’innovazione
Le Poste e la SNCF rimarranno imprese pubbliche
Vigilanza pubblica sul finanziamento dei sindacati
Istituzione di una tassa supplementare nell’assunzione di lavoratori stranieri per garantire la priorità nazionale nell’impiego dei francesi
Inclusione nella Costituzione del concetto di “priorità nazionale”
Pensioni
 
Garantire l’età legale del pensionamento a 60 anni con 40 anni di contributi per il ricevimento di una pensione completa
Esenzione fiscale dell’aumento delle pensioni per i genitori di famiglie numerose
Rivalutazione della pensione minima (ASPA) in tutta la Francia, condizionata alla nazionalità francese o all’avere venti anni di residenza in Francia
Stabilire un “Potere d’acquisto Premium” destinato a chi ha un basso reddito e pensioni basse (per redditi fino a 1500 euro al mese), finanziato da un contributo sociale del 3% sulle importazioni
Pubblica amministrazione
 
Preservazione dello statuto del servizio pubblico
Accesso alla partecipazione al terzo concorso del servizio pubblico anche ai maggiori di 45 anni con almeno otto anni di esperienza nel settore privato
Debito pubblico
 
Riduzione della spesa di 60 miliardi di euro, circa il 50% del PIL
Imprese
 
Favoreggiamento alle imprese francesi negli appalti pubblici se la differenza di prezzo è ragionevole, con particolare riguardo a piccole e medie imprese
Rinazionalizzazione delle società autostradali «per dare ai francesi un patrimonio che hanno finanziato e si cui sono stati espropriati»
Tempestività dei pagamenti alle autorità statali e locali, e applicazione di sanzioni
Significativa riduzione degli oneri sociali per le PMI
Mantenere l’aliquota ridotta al 15% per le imprese molto piccole
Creazione di un sistema di «primo lavoro» che esonera le società dal pagare le imposte sulla prima assunzione di un giovane sotto i 21 anni per un periodo massimo di due anni
Controllo sugli investimenti esteri che riguardano gli interessi nazionali attraverso l’autorità di sicurezza economica
Riduzione degli oneri amministrativi legati alla soglia dei 50 dipendenti e la fusione delle istituzioni rappresentative con personale tra i 50 e i 300 dipendenti (esclusa la rappresentanza sindacale) in un’unica struttura.
Accesso al credito per le piccole e piccolissime imprese con tariffe preferenziali
Dimezzamento del tasso di interesse massimo (tasso d’usura) per i prestiti e gli scoperti (premi) per le imprese e le famiglie
Alleggerimento amministrativo e fiscale di rilievo per le piccole e medie imprese
Commercio
 
Divieto di importazione e vendita di prodotti provenienti dall’estero che non soddisfano gli standard imposti ai produttori francesi
Supporto per il «Made in France», etichettatura obbligatoria, chiara ed equa
Introduzione di un «protezionismo intelligente»: sostenere le imprese contro la concorrenza sleale internazionale
Potere d’acquisto
 
Immediato taglio del 5% delle tariffe regolamentate per il gas e l’elettricità
Mantenere la libertà e il pluralismo dei mezzi di pagamento
Sicurezza per i depositi e i risparmi dei francesi abrogando la direttiva europea sull’unione bancaria e la disposizione della Sapin II che prevede il congelamento dei risparmi in banca e dei contratti di assicurazione sulla vita in caso di minaccia di crisi bancaria
Aumento delle sanzioni contro i dirigenti aziendali colpevoli di attività fraudolente che drenano parte del potere d’acquisto dei consumatori
Agricoltura e pesca
 
Applicazione del patriottismo economico sui prodotti agricoli francesi a favore degli agricoltori e dei pescatori, in particolare attraverso gli appalti pubblici
Divieto di importazione e vendita di prodotti provenienti dall’estero che non soddisfano gli standard imposti ai produttori francesi
Supporto per il «Made in France»
Etichettatura obbligatoria, chiara ed equa
Trasformazione della politica agricola comune (PAC) in materia di politica agricola francese con criteri di sussidi stabiliti dalla Francia
Norme amministrative di incoraggiamento per i giovani agricoltori, attraverso incentivi fiscali nei primi anni di attività
 
Infrastrutture
 
Investimento in infrastrutture di supporto, in particolare nelle zone rurali (banda larga, copertura telefonica, strade…)
Rinazionalizzazione delle società autostradali
Programma Marine Le Pen: SOCIETÀ
Parità dei sessi
 
Sviluppare un piano nazionale per la parità della retribuzione donna / uomo
Combattere l’islamismo «che ha eliminato le libertà fondamentali» delle donne
Ripristinare la libera condivisione del congedo parentale tra entrambi i genitori.
Famiglia
 
Graduale aumento del plafond del quoziente familiare
Istituzione di una politica sulle nascite riservata alle famiglie francesi, ripristinando l’universalità degli assegni familiari e mantenendo la loro indicizzazione al costo della vita
Mantenimento del divieto di maternità surrogata e di prenotazione presso Paesi meno sviluppati di soluzioni mediche legate ai problemi di fertilità.
Creazione di un’unione civile (revisione PACS) che sostituirà le disposizioni della legge Taubira senza retroattività
Ripristinare la libera condivisione del congedo parentale tra entrambi i genitori
Lancio di un audit completo sulla custodia dei bambini e sostegno ai figli

Scuola

Rivalutazione del lavoro manuale attraverso la costruzione di reti professionali di eccellenza
Insegnamento della storia: promozione di «romanzo nazionale» e esclusione del concetto di «divisione» dello Stato
Nella scuola primaria, metà del tempo di insegnamento dovrà essere dedicata al francese, sia scritto che parlato. Rimozione l’insegnamento delle lingue e delle culture di origine
Scolarizzazione autonoma dei propri figli, in compatibilità con i valori formativi della Repubblica previsti per le scuole pubbliche e private
Sviluppo dell’alternanza (apprendistato, professionalizzazione) nell’artigianato, nel settore pubblico e privato
Trasferimento ai collegi professionali dell’onere di trovare un’offerta di stage ad ogni studente
Introduzione di uniformi nelle scuole
Sviluppo di un patronato popolare con la creazione di una piattaforma digitale dedicata
Lancio di un grande piano nazionale per la creazione di filiere per l’artigianato e implementazione di una rete di artisti in tutto il paese. Ripristino di un vera educazione musicale generale nelle scuole
Sanità
 
Eliminazione del numero chiuso per l’accesso agli studi di medicina per evitare la forte dipendenza dai medici stranieri
Lotta contro la mancanza di medici promuovendo stage nelle zone colpite, permettendo ai medici in pensione di praticare lì con numerose deduzioni e sviluppando case di cura
Mantenimento al massimo degli ospedali locali e aumento del servizio ospedaliero pubblico
Garanzia di sicurezza sociale per tutti i francesi e rimborso per la cura dei rischi sanitari
Creazione di un quinto rischio per la sicurezza sociale, dedicato alla dipendenza, per consentire ad ogni francese di guarire e vivere con dignità
Rivalutazione dell’indennità per adulti disabili, più risorse alle case di cura e allo sviluppo di una cura degna per i disturbi dello spettro autistico
Favoreggiamento all’accesso al lavoro per i disabili
Rafforzare la lotta contro tutte le forme di discriminazione legate alla disabilità e alla salute, e estensione del diritto all’oblio in remissione da grave malattia a lungo termine ad un massimo di 5 anni
Prezzi più bassi per i farmaci costosi
Religione
 
Inclusione nella Costituzione del principio: “La Repubblica non riconosce alcuna comunità.
Estensione del secolarismo in tutto il comparto pubblico e all’interno del codice del lavoro
Immigrazione
 
Interruzione degli accordi di Schengen e ripresa dei controlli alle frontiere
Soppressione degli aiuti sanitari di Stato riservato ai clandestini
Abolizione di ricongiungimento familiare
La cancellazione, nel diritto francese, della possibilità di regolarizzare gli immigrati. Richiesta ai richiedenti asilo di presentare la domanda in un’ambasciata del proprio paese o vicina
Rimozione dello jus soli. Rimozione della doppia nazionalità extra-europea
Limitazione del numero di ingresso legale sul territorio francese di 10.000 immigrati all’anno
Immobiliare
 
 
Facilitare l’accesso alla proprietà con la costruzione di finanziamenti agevolati e di miglioramento delle condizioni del rimborso a carico dei clienti degli alloggi sociali che raggiungono l’1% del parco immobiliare venduto ogni anno.
Riduzione della tassa di trasferimento del 10%
Il consolidamento in un unico dipartimento della pianificazione territoriale, i trasporti e gli alloggi
Razionalizzazione degli standard di progettazione e costruzione, al fine di ridurre le tensioni sul mercato immobiliare.
Programma Marine Le Pen: AMBIENTE

Tutela degli animali

 
Fare della protezione animale una priorità nazionale
Difendere il benessere degli animali, vietando la macellazione senza stordimento e sostituendo gli esperimenti sugli animali il più possibile.
OGM
 
Applicazione del principio di precauzione e divieto di OGM
Energia
 
Modernizzazione e sicurezza dell’industria nucleare francese
Mantenimento del controllo dello Stato sulla EDF (società elettrica francese)
Rifiuto della chiusura dello stabilimento di Fessenheim
Divieto di sfruttamento dello shale oil
Sviluppo dei settori francesi dell’energia rinnovabile (solare, biogas, legno…)
Sostegno al settore francese dell’idrogeno (energia pulita)
 
Habitat
 
Fare dell’isolamento domestico una priorità di bilancio del quinquennio
Razionalizzazione degli standard di progettazione e costruzione, al fine di ridurre le tensioni sul mercato immobiliare.
Programma Marine Le Pen: POLIZIA E GIUSTIZIA

Polizia

 
Ingrandimento delle forze dell’ordine
Assunzione di 15.000 poliziotti e gendarmi
Introduzione della presunzione di legittima difesa per i dipendenti della polizia
Esercito
 
Aumentare il budget per la difesa al 2% del PIL nel primo anno (cambiamento nella Costituzione). Al 3% entro la fine del quinquennio
Creazione di una seconda portaerei «Richelieu»
Rivalutazione delle pensioni dei veterani riallocando i fondi disponibili
Organizzare di una guardia nazionale composta da 500.000 uomini e donne in tutto il paese
Estensione alle metropoli del servizio militare adattato sul modello in vigore nei territori d’oltremare. Graduale ripristino del servizio militare (obbligatorio minimo 3 mesi)
Uscita dalla NATO
Giustizia
 
Il bilancio della giustizia sarà rivalutato del 25% in cinque anni
Aumento del numero dei magistrati: 20 per ogni 100.000 abitanti nel 2017
Soppressione della Scuola Nazionale della Magistratura
Creazione di 40.000 posti in prigione in più nell’arco di cinque anni
«Tolleranza zero»: abrogazione delle leggi penali «lassiste»
L’espulsione automatica dei criminali e dei delinquenti stranieri.
 
Terrorismo
 
Rafforzare la lotta contro il cyber-jihadismo
Potenziare le risorse umane e tecniche dei servizi segreti interni ed esterni
Divieto e scioglimento di organizzazioni di ogni tipo legate ai fondamentalisti islamici
Deportazione di tutti gli stranieri legati al fondamentalismo islamico
Chiusura di moschee estremiste. Divieto di finanziamento pubblico dei luoghi di culto e delle attività culturali
Perdita della nazionalità francese e allontanamento dal territorio per qualsiasi binazionale filojihadista
Conseguenze Marine Le Pen: cosa succede se vince?
La maggior parte i sondaggi danno il leader del Fronte Nazionale sicura al secondo turno delle elezioni presidenziali 2017. Per questo motivo si fa sempre più necessario domandarsi quali sono le possibili conseguenze di una Marine Le Pen alla guida della Francia e cosa succede se il leader di estrema destra sale al potere sulla base del suo programma elettorale.
CONTINUA A LEGGERE SU:

Facebook Comments
Foto del profilo di evidenziatoredelweb

evidenziatoredelweb

Sono un blogger e non un giornalista...!! BLOGGER, altruista, gentile estroverso e contro ogni forma di male verso i deboli. amo la natura, gli animali e sono contro il nucleare... dimenticavo.."mi piacciono le belle donne" sono sincero perlomeno..

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Vai alla barra degli strumenti