Crea sito

AMATORE FOTOGRAFO DEL PONENTE LIGURE RIESCE A IMMORTALARE IL SATELLITE ISS.

TONY SATELLITE

AMATORE FOTOGRAFO DELLA PROVINCIA DI IMPERIA RIESCE A IMMORTALARE IL SATELLITE ISS.
INCREDIBILE..!! Il fotoamatore Tony, è riuscito a fotografare con la sua nikon p900 bridge con uno zoom da 83x il satellite ISS alle prime luci dell’alba.

Un vero appassionato della fotografia.. che a volte si spinge oltre l’immaginazione. Uno scatto inedito.
Noi dell’evidenziatore Del Web gli facciamo i nostri più sinceri complimenti.

VISITA LA SUA PAGINA FACEBOOK E GUARDA I SUOI SCATTI:

UN’INCREDIBILE ZOOM DELLA LUNA FATTO DA LUI.

ECCO LE SUE FOTO:
TONY1


La Stazione Spaziale Internazionale (in inglese: International Space Station, in sigla ISS) è una stazione spaziale dedicata alla ricerca scientifica che si trova in orbita terrestre bassa, gestita come progetto congiunto da cinque diverse agenzie spaziali: la statunitense NASA, la russa RKA, l’europea ESA (con tutte le agenzie spaziali correlate), la giapponese JAXA e la canadese CSA.

Viene mantenuta ad un’orbita compresa tra i 330 km e i 435 km di altitudine e viaggia a una velocità media di 27 600 km/h, completando 15,5 orbite al giorno. È abitata continuativamente dal 2 novembre 2000; l’equipaggio, da allora, è stato sostituito più volte, variando da due a sei astronauti o cosmonauti.

Costruita a partire dal 1998, è stato previsto il completamento entro il 2017; dovrebbe restare in funzione fino al 2024, data prevista per il raggiungimento degli obiettivi scientifici, per poi essere smantellata, distrutta o riutilizzata parzialmente.

Il costo totale è stato stimato dall’ESA in 100 miliardi di euro in 30 anni. Il suo obiettivo, come è stato definito dalla NASA, è quello di sviluppare e testare tecnologie per l’esplorazione spaziale, sviluppare tecnologie in grado di mantenere in vita un equipaggio in missioni oltre l’orbita terrestre e acquisire esperienze operative per voli spaziali di lunga durata, nonché servire come un laboratorio di ricerca in un ambiente di microgravità, in cui gli equipaggi conducono esperimenti di biologia, chimica, medicina, fisiologia e fisica e compiono osservazioni astronomiche e meteorologiche.

La struttura della stazione, con i suoi oltre cento metri di intelaiatura, copre un’area maggiore di qualsiasi altra stazione spaziale precedente, tanto da renderla visibile dalla Terra a occhio nudo. Le sezioni di cui è composta sono gestite da centri di controllo missione a terra, resi operativi dalle agenzie spaziali che partecipano al progetto.

La proprietà e l’utilizzo della stazione spaziale sono stabiliti in accordi intergovernativi che consentono alla Federazione russa di mantenere la piena proprietà dei suoi moduli.La stazione viene servita da navicelle Sojuz, navette Progress, Dragon e dal H-II Transfer Vehicle, ed è stata visitata da astronauti e cosmonauti provenienti da 15 paesi diversi.
FONTE: wikipedia

Facebook Comments

evidenziatoredelweb

Sono un blogger e non un giornalista...!! BLOGGER, altruista, gentile estroverso e contro ogni forma di male verso i deboli. amo la natura, gli animali e sono contro il nucleare... dimenticavo.."mi piacciono le belle donne" sono sincero perlomeno..

You may also like...

2 Responses

  1. Good day I am so excited I found your blog page, I
    really found you by mistake, while I was browsing on Yahoo
    for something else, Anyways I am here now and would just like to say thanks for a remarkable
    post and a all round entertaining blog (I also love the theme/design), I don’t have time to
    browse it all at the minute but I have saved it and also added your RSS
    feeds, so when I have time I will be back to read a lot more, Please do keep up
    the awesome work.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Vai alla barra degli strumenti